Il vero Giubileo

L'anno 2015-2016 si presta ad essere un anno speciale per una fetta importante di coloro che si definiscono "cristiani". Infatti, proprio in questo tempo, avrà luogo un evento periodico, simbolico e piuttosto mediatico che prende il nome di Giubileo. Arrivando subito al cuore della questione, il Giubileo rappresenta un tempo nel quale la principale autorità del Cattolicesimo Romano, il vescovo di Roma (considerato come Vicario di Cristo, ovvero come colui che detiene il governo della chiesa sulla terra e si pone come "mediatore" tra Dio ed il Suo popolo), apre ai fedeli la possibilità, attraverso la figura simbolica delle "porte della misericordia", di essere perdonati in modo "straordinario" (indulgenza plenaria) dai propri peccati.

 

Che dire: già questa breve descrizione apre a non poche riflessioni per quei cristiani che si accostano con sincerità e semplicità alla Verità della Bibbia!

 

IL VERO MEDIATORE

In prima battuta, non possiamo non parlare brevemente proprio della figura del Vescovo di Roma, meglio conosciuto con l'appellattivo di Papa e, come abbiamo visto, considerato in qualità di Vicario (sostituto) di Cristo, capo della chiesa, "santo padre" e mediatore tra Dio ed il popolo. Se davvero consideriamo la Bibbia come espressione scritta della Parola e della Volontà di Dio, non è certamente difficile riconoscere che tali appellativi e titoli rappresentano quanto di più lontano dalla Volontà di Dio per la sua Chiesa e completamente privi di qualsiasi fondamento biblico. A tale pro, abbiamo scelto di far parlare la Bibbia: ben più chiara di qualsiasi nostra parola.

 

Definito come "santo padre"... Non chiamate nessuno sulla terra vostro padre, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è nei cieli (Matt. 23:9);

 

Considerato il "vicario di Cristo", il suo sostituto dopo la sua ascensione...Gesù disse: io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro consolatore, perché stia con voi per sempre, lo Spirito della verità [...] il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto. [...] Ma quando sarà venuto il Consolatore che io vi manderò da parte del Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli testimonierà di me [...] Eppure, io vi dico la verità: è utile per voi che io me ne vada; perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma se me ne vado, io ve lo manderò (Giov. 14:16-17, 26; 15:26; 16:7). Risulta più che evidente che per la Sua Chiesa, Gesù abbia già pensato ad un sostituto dopo la sua partenza, che avrebbe guidato il popolo in tutta la Verità: non certo un uomo sarebbe stato in grado di fare questo, ma lo Spirito Santo è il vero "vicario" di Cristo sulla Terra.

 

Riconosciuto come "capo della Chiesa"...Esso consiste nel raccogliere sotto un solo capo, in Cristo, tutte le cose: tanto quelle che sono nel cielo, quanto quelle che sono sulla terra [...] Ogni cosa egli ha posta sotto i suoi piedi e lo ha dato per capo supremo alla chiesa [...] ma, seguendo la verità nell'amore, cresciamo in ogni cosa verso colui che è il capo, cioè Cristo [...] Cristo è capo della chiesa [...] Egli è il capo del corpo, cioè della chiesa (Ef. 1:10, 22, 4:15, 5:23, Col. 1:18). C'è forse altro da aggiungere? Chi è il Capo della Chiesa, se non Gesù Cristo?

 

Infine, "mediatore" tra Dio ed il popolo...Infatti c'è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo [...] noi abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo, il giusto [...] Cristo Gesù è colui che è morto e, ancor più, è risuscitato, è alla destra di Dio e anche intercede per noi. (1 Tim. 2:5; 1 Giov. 2:1; Rom. 8:34).

 

LA VERA "PORTA DELLA MISERICORDIA"

Una porta della misericordia esiste davvero, ma sarebbe assurdo pensare che possa trattarsi di una porta fisica. Bibbia alla mano, risulta davvero arduo concepire una "misericordia", intesa come perdono dei peccati, che non passi dalla Persona di Cristo. C'è un solo elemento che per oltre 2000 anni è stato in grado di perdonare e salvare milioni e milioni di persone dal peccato: non è la "confessione" verbale ad un uomo dei nostri errori, nè una porta, nè un Giubileo, ma il sangue di Gesù, naturalmente inteso come simbolo del suo sacrificio sulla croce per l'umanità. La Bibbia lo sostiene con forza: "Poi Gesù disse: «Questo è il mio sangue, il sangue del patto, che è sparso per molti [...] Tanto più dunque, essendo ora giustificati per il suo sangue, saremo per mezzo di lui salvati [...] In lui abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, il perdono dei peccati secondo le ricchezze della sua grazia [...] sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri, ma con il prezioso sangue di Cristo (Mar. 14:24, Rom. 5:9; Ef. 1:7; 1 Pt. 1:18-19). 

Sì, esiste una Porta della Misericordia...è una porta aperta da oltre duemila anni ed anche oggi è aperta per te: questa porta è Gesù! Entrate per la porta stretta...è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano. [...] Gesù disse: Io sono la porta; se uno entra per me, sarà salvato, entrerà e uscirà, e troverà pastura (Matt. 7:13-14; Giov. 10:9)

 

IL VERO GIUBILEO

L'espressione "Giubileo" ha la stessa radice dalla quale proviene il termine "Giubilo", che significa letteralmente "gioia, felicità, beatitudine". Questi elementi vengono ricercati da uomini e donne di ogni tempo, tuttavia spesso con risultati deludenti. Il Vangelo, per definizione, è una Buona Notizia, e la buona notiza è questa: anche tu, come milioni di persone (compreso colui che scrive) puoi sperimentare una vera gioia, pace e soddisfazione; non legata alle situazioni che ti circondano, ma dovuta alla presenza di Dio nella tua vita: insomma, anche tu puoi realizzare un vero Giubileo! Non devi recarti in una città particolare per ottenere questa pace, ma come abbiamo considerato poco fa, devi semplicemente scoprire la potenza del sangue (del sacrificio) di Gesù per la tua vita! Confessa direttamente a Dio il tuo peccato, considera che la morte di Gesù sostituisce la nostra (meritata) "punizione" ed entra per quella porta stretta, ma benedetta: realizzerai la pace di Dio, che supera ogni compresnione umana. 

 

Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore (Rom. 5:1)